MUTAZIONE NEL DNA UMANO 4.500 ANNI FA


Milioni di anni di preistoria sono stati interrotti improvvisamente poche migliaia di anni fa dalla apparizione delle prime civiltà.

Ora la rivista scientifica “Nature” rende ufficiale quanto già si sospettava da tempo: 4.500 anni fa c’è stata un’improvvisa ed inspiegabile mutazione nel DNA umano.
La scoperta proviene da numerosi studi differenti condotti da numerosi scienziati in varie parti del mondo ed è stata pubblicata su “Nature” il 23 Aprile 2013, dopo otto mesi di analisi ed indagini da parte della redazione scientifica della rivista.
L’Europa, nella preistoria,  è sempre stata teatro di numerose migrazioni, ma la prima ondata decisiva avvenne circa 40.000 anni fa, quando popolazioni provenienti dall’Africa si stanziarono definitivamente sul nostro continente.
Questi erano cacciatori e raccoglitori e non conoscevano l’agricoltura.
Successivamente, circa 7.000 anni fa, queste popolazioni furono scalzate dell’arrivo di popolazioni di agricoltori che provenivano dalla attuale Turchia e dal Medio-Oriente.
Poi avvenne un fatto inspiegabile: dall’analisi di numerosi scheletri datati tra 5.000 e 4.000 anni fa, si è registrata un’improvvisa mutazione genetica. Gran parte dei geni caratteristici delle popolazioni europee dell’epoca, scompaiono improvvisamente, lasciando il campo a geni completamente differenti.
Questi nuovi geni sono quelli attualmente presenti in circa il 45% della popolazione mondiale attuale.
In pratica miliardi di individui che popolano attualmente il nostro pianeta, discendono da un ristretto gruppo di individui, apparsi improvvisamente circa 4.500 anni fa.
La cosa interessante è che proprio in quell’epoca sono nate le grandi civiltà e, dopo milioni di anni, l’uomo è uscito dalla preistoria.

 ….Dal Blog dell'Ing. Giuseppe Merlino

http://giuseppemerlino.wordpress.com/

Sponsored By http://www.catramba.com/ “Aumenta il traffico del tuo sito web”